Adriano Tournon, Ingegnere

  • Titolo:Ingegnere
  • Data nascita:20-10-1883
  • Data morte:13-09-1978
  • Luogo nascita:Pavia
  • Luogo morte:Torino

Figlio di Ottone, Tenente Generale Comandante il IX Corpo d’Armata e senatore del Regno dal 1900 e di Adele Camerana, sorella del magistrato e poeta Giovanni. Si laureò in Ingegneria presso il Politecnico di Torino nel 1906. Nel 1913 fu eletto sindaco di Crescentino e l’anno successivo arrivò primo ad un concorso di Direttore Generale bandito dall’Associazione Ovest Sesia. Iniziò la sua opera di riorganizzazione della rete irrigua. Nel 1917/18 progettò il canale per l’irrigazione dei  5 “distretti” casalesi (Balzola, Morano, Villanova, Popolo, Terranova); progettò (con l’avv. Ernesto Angiono Foglietti) e ottenne l’esecuzione di un piano di irrigazione per l’agro di Moncrivello con derivazione dalla Dora Baltea. Nel 1919 divenne socio ordinario dell’Accademia di Agricoltura di Torino di cui fu Presidente dal 1939 al 1963. L’anno successivo divenne Commissario nella Reale Commissione per l’Irrigazione. Nel 1921 fu nominato Ispettore onorario per i monumenti del Piemonte su proposta di Cesare Bertea. Durante il suo incarico segnalò alla Soprintendenza numerosi restauri da effettuare di chiese, palazzi, edifici. Con il suocero ing. Michelangelo Bonelli acquistò nel 1922 la tenuta di Pian Due Torri  nell’agro di Roma. Fu bonificata e primeggiò per la produzione di frutta e ortaggi.  Su volontà del prefetto E. Lauricella cominciò l’impegno podestarile del Tournon nel 1927. Negli stessi anni oltre all’amministrazione della Città di Vercelli si dedicò a ricerche e progetti: canale Lunense presso Sarzana, promosse la creazione dell’Istituto Federale del Credito Agrario (di cui fu poi Presidente), fu vicepresidente dell’ Accademia di Agricoltura di Torino e dal 1939 al 1963 Presidente. Studiò inoltre l’irrigazione dell’agro di Arborea in Sardegna con le acque del Tirso e promosse con Alberto Geisser la creazione di una facoltà di Agraria a Torino. Nel 1930 fu incaricato dal governo della liquidazione della Banca Agricola, di proprietà del comm. Gualino. Tutti i correntisti furono rimborsati e la maggior parte degli sportelli passò all’Istituto Bancario San Paolo di Torino. Nel 1939 assunse la Presidenza della Cassa di Risparmio di Torino, della quale sin dal 1925 era nel Consiglio amministrativo. Nel dopoguerra continuò a presiedere l’Accademia di Agricoltura di Torino, la Cartiera Italiana e l’Istituto Bancario Piemontese. Nel 1957 fu chiamato dall’IRI alla Presidenza della SIP (allora società idroelettrica). In questi stessi anni si occupò anche della bonifica nell’agro di Tarquinia (Viterbo) con vigneti e frutteti. Nel 1930 fu nominato Cavaliere del Lavoro. Nel 1920 sposò Angela Bonelli figlia del cav. del Lavoro ing. Michelangelo. Dalla loro unione nacquero: Adele, Giovanni, Giorgio, Paolo, Sandra. Da: "Profilo di Adriano Tournon" di Marco Carassi e Maurizio Cassetti